Per informazioni
info@azgualeni.it

Fecondazione artificiale

Agosto iniziano i calori e il pensiero corre alle caprette ed ai becchetti che nasceranno tra pochi mesi, sperando prendano il meglio dei geni dei loro genitori!
Per chi desidera, però, costantemente aumentare la qualità, la produttività e quindi la redditività del proprio allevamento ė d’obbligo l’utilizzo della fecondazione artificiale. Importante è sicuramente la scelta delle madri tra le migliori capre a disposizione sia per produttività che per morfologia. Questo sia perché è più probabile riuscire a migliorare ulteriormente la genealogia sia perchė visto che le fiale hanno un costo non indifferente non ė economicamente vantaggioso usare capre con problemi o con basse produzioni.

Le fiale di sperma provengono dalla Francia, piú precisamente dal centro genetico di Caprigene che è riconosciuto come il centro migliore al mondo e vanno prenotate in primavera presso l’ARAL (almeno per la regione Lombardia). Il prezzo indicativo va dai 22 ai 25 euro per fiala a cui vanno ad aggiungersi, ovviamente, le spese del veterinario. L’utilizzo consigliato è di una fiala per ogni capo sui cui si desidera effettuare la fecondazione artificiale.

Si possono effettuare le inseminazioni sia su calori naturali che su calori indotti. L’induzione del calore artificiale può essere effettuata solo da un medico veterinario che conosca molto bene le procedure in quanto il protocollo da seguire non é semplice e deve essere eseguito alla perfezione. Sempre il veterinario provvederà all’inseminazione su entrambi i tipi di calore. Dopo circa 35 giorni tramite un ecografia si può sapere se la capra é gravida e l’inseminazione é andata a buon fine.

Sicuramente è possibile utilizzare anche i propri becchi per effettuare la fecondazione in modo tradizionale/naturale, ma se avete allevamenti iscritti al libro genealogico ė obbligatorio che la madre di questi ultimi sia classificata come madre di becco.

Nella nostra azienda il 50% delle femmine viene ingravidato con fecondazione artificiale per garantire una varietà di capre di razza saanen assolutamente al passo con i più alti standard.


[ 20 commenti ]

Allegati disponibili:

20 commenti

  1. alberto scrive:

    salve sono alberto, ho una capra, e vorrei farla riprodurre , ma ho difficoltà a trovare un becco nelle mie zone, allora ho pensato ad una riproduzione con inseminazione artificiale, ho letto il suo articolo, ma voelvo sapere come fare per acquisatre una dose, e se possibile.
    grazie

    • Caprologo scrive:

      Salve, come già scrivevo in precedenza, dipende sostanzialmente dalle regioni. Nel mio caso è sufficiente rivolgersi all’ARAL, ma ha comunque bisogno dell’aiuto di un veterinario. Sinceramente per un unico capo l’operazione è economicamente sconveniente.

  2. Vittorio scrive:

    Salve vivo in venezuela ho 50 capre la maggioranza delle isole canarie ho alcune sanen . vorrei migliorare la genetica cosa mi potete offrire?

    • Caprologo scrive:

      Sicuramente per migliorare la genetica delle proprie capre di razza saanen è indispensabile utilizzare la fecondazione artificiale. Purtroppo in questo momento NON abbiamo a disposizione becchetti, ma accettiamo prenotazioni per le nascite dell’anno 2012. Mi faccia sapere se è interessato.

  3. Fatos Celaj scrive:

    Ciao. Sono dall’Albania e ho 10 capre come per raffinare Sannen e razza. Come qui non posso o non dispongono di informazioni per il veterinario per fare operazioni come comprare 4 femmine e 1 maschio Saanen.

    Con rispetto Fatos Celaj

    • Caprologo scrive:

      Grazie dell’interessamento, ma purtroppo non conosco la normativa Albanese. Dovrebbe contattare la sua ASL di zona (o equivalente) e valutare con loro il da farsi. La procedura per la comunità Europea è piuttosto semplice, ma non vale per l’Albania.

  4. francesco scrive:

    salve, vorrei sapere puntando su un attenta selezione che media latte annua di produzione si può ottenere, che media di nascite e se si ha miglior resa allevando intensivo o estensivo, ovvero stalla-paddok o stalla-pascolo? grazie

    • roberto scrive:

      Sicuramente la produzione intensiva è molto superiore a quella estensiva anche se naturalmente anche i costi sono di gran lunga maggiori. In un allevamento intensivo si considera buona produzione una media capo superiore agli 8 quintali annui. In intensivo solitamente gli animali sono molto più sani (non più felici) perchè più controllati e necessitano meno di cure farmacologiche. (sopprattutto sverminanti).
      Per quanto riguarda le nascite io posso solo parlare per la saanen
      non conoscendo bene le altre razze . 100 primipare partoriscono in media 160 capretti mentre 100 pluripare ne partoriscono 203.

      • francesco scrive:

        grazie per la risposta faccio se mi è concesso qualche altra domanda, allevando intensivo di quanto spazio necessita una capra, ad esempio 100 capi adulti quanti mq di stalla vogliono e quanti di paddok? considerando un clima mite come in Sardegna

  5. roberto scrive:

    Le capre necessitano di 33 cm. di mangiatoia capo . Vale a dire 3 ogni metro lineare . Per lo spazio hanno bisogno minimo di 1,5 metri quadri capo.Per esperienza ti dico che se ne metti una ogni 2 metri quadri è molto meglio. Avrai la stessa produzione lattea con meno capi.

  6. Luca scrive:

    Salve volevo sapere se avete disponibilita di caprette saanen

  7. piero scrive:

    sono della sardegna e sono intresato alla aquisto di 40 caprette ne avete disponibili

  8. beniamino scrive:

    vorrei iniziare un allevamento vorrei sapere cosa ci vuole e quanto ci vuole grazie

  9. Boungirno,Mi piace capra saanen,

  10. vasi scrive:

    Buongiorno
    Una domanda, quanti giorni rimane viva una fiala?Di che conosco piu o meno 3 giorni, a frigo.Come viene porta da Francia, con DHL?Grazie

  11. sono interessato all’aquisto di qualche capra.

  12. Pietro scrive:

    Volevo sapere se anche per le capre esiste la fecondazione con il seme sessato.
    grazie

  13. Pietro scrive:

    Volevo sapere se esiste il seme sessato per le capre Saanen

    • Roberto scrive:

      Personalmente a tutt’oggi non ne ho ancora sentito parlare, quindi penso di no. La fecondazione artificile viene usata da molti allevatori per avere dei buoni riproduttori maschi, penso sia questo il motivo per cui non esiste seme sessato.

Lascia un commento